Le notizie
"Vieni al Padre, fonte di Misericordia"
31 marzo 2020 * S. Amos profeta
itenfrdeptrues
locandina 2020Il giorno giovedì 19 marzo 2020 doverosamente nel suo Santuario celebriamo la Solennità di San Giuseppe con il programma e gli orari descritti nell'allegata locandina.
Per meglio prepararci alla solennità, vorremmo dare maggiore risalto alla preghiera e alle riflessioni che si svolgeranno durante il triduo di preparazione nei giorni 16,17,18 precedenti, alle ore 21,00. Invitiamo chi può a fare il possibile per non mancare.
Per tutti, se e in quanto utile in famiglia o nelle parrocchie, come gli scorsi anni, proponiamo alcuni tipi di rosari ed alcune formule di preghiera.
Ci piace anche rileggere quanto don Stefano Lamera ha detto giungendo per la prima volta sul luogo e quanto successivamente ha scritto.
Ecco le sue parole, come riportate sul volume della storia carismatica del Santuario.

È il tardo pomeriggio del 10 marzo 1990. Giunge per la prima volta sul luogo dove, scendendo dall’autovettura, vede la chiesa appena sommariamente sistemata.
Subito bisbiglia: “Se volete vedere compiersi i miracoli, dovete venire qui”, ma lo dice così sottovoce che i presenti non lo percepiscono, se non chi gli sta aprendo lo sportello.
Si avvia per entrare in chiesa e man mano che si avvicina lo ripete sempre più forte.
Poi in tono sommesso, come parlando a se stesso, dice: “Mi avevano parlato di una chiesetta in campagna, io pensavo ad una piccola cappella, non avrei mai pensato ad una cosa del genere”.
Avanzando verso il presbiterio, e aumentando sempre più il tono della voce, ripete la frase iniziale: “Se volete i miracoli, dovete venire qui”.
Raggiunto l’abside si gira e quasi gridando, come per dare forza alle parole che stava per dire, comincia a “profetizzare” sul Santuario: “Questo luogo diventerà un grande centro di San Giuseppe.
Lui vuole che i suoi centri siano ricchi di grazia e di miracoli dello spirito e del corpo, anche qui: come in Canada, in Spagna, a Roma.
Qui verranno pullman di pellegrini. Saranno aperte le autostrade”.

Ed ecco cosa ha scritto sulla prima pagina del primo volume del "Registro pellegrini" il 30 maggio 1991:
Andate da Giuseppe!
   È questo l’invito, anzi il comando del Signore.
   A San Giuseppe Dio Padre ha affidato i due più grandi Tesori che Egli aveva: Gesù e Maria SS.ma sua Madre!
   Egli per primo li affidò a San Giuseppe.
   Ed ora ripete a tutti coloro che desiderano grazie e favori:
  “Andate da Lui! Perché tutto ho affidato a questo mio confidente di piena fiducia!
   Beati coloro che, ascoltando l’invito-comando di Dio, vengono qui, a questo Santuario di San Giuseppe, per invocarlo, per chiedere grazie e favori.
Egli è il custode, il depositario di tutti i Beni che ha preparato per l’umanità, per ogni uomo, il Signore Dio.
   Ognuno, che verrà con fiducia a questa Casa di San Giuseppe, non ritornerà senza aver ricevuto quanto con umiltà e fiducia ha chiesto.
   Dio stesso vuole glorificare per i secoli questo primo dei Santi, Sposo di Maria e con Lei genitore di Gesù.
   San Giuseppe prega tu! San Giuseppe pensaci tu! San Giuseppe provvedi tu!
   Dio Padre mi ha inviato a Te! Grazie! Benedicimi. Sac Stefano Lamera
   Poi, ripensandoci, si sposta sulla pagina sinistra di copertina e aggiunge:
Ecco un segreto:
   Vai da San Giuseppe! Egli è la Via che ti condurrà alla Madonna, sua sposa, e a Lei ti presenterà!
   La Madonna poi ti presenterà a Gesù, suo Figlio. Lei è la Via per arrivare a Gesù!
   Gesù, infine, ti presenterà a Dio Padre, perché Egli è la Via che conduce al Padre! Così hai tutto!     

Rosari:
1) Rosario con riflessioni di Papa Francesco: clicca qui
2) Rosario con riflessione sui sette dolori e gioie: clicca qui
3) Rosario con Giuseppe e Maria uniti: clicca qui
Formule di preghiera:
1) Preghiera dell'"Ave, o Giuseppe" adottata in santuario, come approvata del Vescovo diocesano: clicca qui
2) Preghiera di "Affidamento dell'Italia", come formulata da don Stefano Lamera: clicca qui
3) Preghiera o "Coroncina", formulata dal Beato Alberione a modo di novena: clicca qui
4) Preghiera per i "Papà" approvata dal Vescovo diocesano: clicca qui

Iscriviti alla mailing del Santuario. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
captcha 

facebook

"... io piego le ginocchia
davanti al Padre,

dal quale ogni paternità
nei cieli e sulla terra." (Ef. 3,14-15)

Visite agli articoli
1893397

Abbiamo 228 visitatori e nessun utente online