Commento al Vangelo della Domenica e delle Festività
"Vieni al Padre, fonte di Misericordia"
19 dicembre 2018 * S. Fausta martire
itenfrdeptrues

Buon pastore
Testi liturgici: At 4,8-12; I Gv 3,1-2; Gv 10,11-18

 Per il documento:clicca qui
“Vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente!”.
Non sono parole consolanti? Essere figli di Dio!
Ma, ci domandiamo, perché e come è avvenuta questa figliolanza?

Perché c’è stata la Pasqua ed è quello che ci ha detto il Vangelo.

Al centro di esso, infatti, è sottolineato tale messaggio pasquale, che consiste nella vita di Gesù donata per amore.

Ebbene, per esprimere questo amore, Gesù usa l’immagine di colui che custodisce le pecore: gli ascoltatori capivano bene, perché per loro era il mestiere prevalente.

Il custode delle pecore potrebbe essere un garzone, un dipendente, un mercenario; oppure potrebbe essere il proprietario stesso, che non solo è custode, ma è “pastore” nel vero senso della parola, cioè colui che è talmente buono, bello e generoso, che di meglio non può esserci: “Io sono il buon pastore”.

Dove sta la differenza tra il buon pastore ed il semplice custode o mercenario?

Il mercenario lo fa per interesse, e, nel contempo, cerca di evitare il rischio di mettere a repentaglio la propria vita per salvare quella delle pecore.

Al vero pastore, invece, non interessa tanto la propria vita. Sarebbe disposto anche a perderla, pur di salvare quella delle pecore: è il vero amore per l’altro.

Non solo, ma il pastore buono esercita una cura continua e amorosa.

È colui che guida il gregge, che provvede perché rimanga unito, che lo difende dai pericoli, che ama ogni pecorella senza fare preferenza alcuna, è colui che è disposto a tutto per il loro bene.

Ogni cristiano è chiamato a vivere nella stessa logica, a fare della propria vita un dono d’amore. Guai a ridurla ad una corsa frenetica, nella ricerca del proprio interesse e tornaconto.

Tante volte la bruttezza della vita, di cui ci lamentiamo, consiste proprio nella nostra incapacità di andare oltre a noi stessi e al nostro orizzonte di vita. La conseguenza di tutto questo, che produce chiusura e ripiegamento su sé stessi, non può avere altro esito che tristezza e depressione.

Questo è il rischio che tutti possono correre. È quello, anche, dei buoni cristiani che soffrono e si lamentano della indifferenza religiosa, della diminuzione della gente che va in chiesa, dei figli che vanno fuori strada, e così via.

Ma non solo. Si potrebbero lamentare perché anche fra i praticanti pochi fanno un vero cammino di fede, pochi si impegnano nella collaborazione pastorale in parrocchia.

Del resto, questo è riconosciuto anche da Gesù: “Ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare”.

Dobbiamo, invece, essere convinti che quando ci comportiamo bene, la nostra azione va a vantaggio di tutti.

Pure questa è l’esperienza di Gesù. Egli ha sentito la fatica di essere solo, ma non ha accusato gli altri di averlo lasciato solo, perché era consapevole di ciò che aveva scelto: donare la vita per gli altri.

L’obiettivo della sua vita non è mai stato quello di costruire un unico recinto entro il quale tutti dovevano entrare, ma di costruire un unico gregge, i cui confini sono molto larghi e di cui lui rimane sempre l’unico pastore.

A questo punto, allora, qual è il messaggio evangelico?

Si tratta di vivere la propria vita e la propria missione aperta a tutti, non perché si deve e si può arrivare a tutti – cosa impossibile – ma perché si è guidati dalla certezza che ciò che si fa a vantaggio di alcuni, in realtà ha dei confini molto più grandi: va a vantaggio di tutti.

E allora di cosa lamentarsi?

Sac. Cesare Ferri Rettore Santuario San Giuseppe in Spicello

Iscriviti alla mailing del Santuario. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
captcha 

facebook

"... io piego le ginocchia
davanti al Padre,

dal quale ogni paternità
nei cieli e sulla terra." (Ef. 3,14-15)

Visite agli articoli
1205566

Abbiamo 131 visitatori e nessun utente online