Home
"Vieni al Padre, fonte di Misericordia"
19 febbraio 2019 * S. Mansueto vescovo
itenfrdeptrues

In Evidenza

Nostro Signore Gesu Cristo Re dell'Universo A 26 novembre 2017

Nostro Signore Gesu Cristo Re dell'Universo A 26 novembre 2017

Testi liturgici: Ez 34,11-12.15-17; Sl 23; 1 Cor 15,20-26.28; Mt 25,31-46Per il documento: clicca qui “Egli separerà gli uni dagli altri, come...

Domenica trentatreesima T.O. A 19 novembre 2017

Domenica trentatreesima T.O. A 19 novembre 2017

Testi liturgici: Pr 31,10-13.19-20.30-31; Sl 128; ITs 5,1-6; Mt 25,14-30Per il documento: clicca qui “Servo malvagio e pigro, tu sapevi che...

Domenica trentaduesima T.O. A 12 novembre 2017

Domenica trentaduesima T.O. A 12 novembre 2017

Testi liturgici: Sap 6,12-16; Sl 63; 1 Ts 4,13-18; Mt 25,1-13Per il documento: clicca quiNella nostra esistenza siamo portati a fare continuamente...

Domenica trentunesima T.O. A 5 novembre 2017

Domenica trentunesima T.O. A 5 novembre 2017

Testi liturgici: Ml 2,8-10; Sl 131; ITs 2,7-9.13; Mt 23,1-12Oggi la parola del Signore è proprio rivolta a noi sacerdoti.Ecco le parole ascoltate:...

Tutti i Santi A 1 novembre 2017

Tutti i Santi A 1 novembre 2017

Testi liturgici: Ap 7,2-4.9-14; Sl 23; 1 Gv 3,1-3; Mt 5,1-12Oggi, anche se è festa di Tutti i Santi, quasi ovunque si celebra una delle Sante Messe...

Invito

011 Santa Famiglia nella uscita dallo internoVenite a trovarci.
Vi aspettiamo.
La Chiesa e la cappella dell'adorazione
è sempre aperta dalle 8 del mattino alle 20:00 di sera.

Per contatti andate qua 

Per raggiungerci andate qui 

Per l'Accoglienza andate qui

Prima avvento C
Testi liturgici: Ger 33,14-16; I Ts 3,12- 4,2; Lc 21,25-28.34-36
Per il documento: clicca qui
“Vegliate in ogni momento pregando…”

Cosa vuol dire, che si deve solo pregare? Si tratta di intendere bene. Infatti, subito dopo aggiunge: “Perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere”.
Ed allora sorge un’altra domanda: “Cosa dovrà accadere?”.

A prima vista sembra proprio doverci aspettare una cosa molto grave, per cui viene da domandarci: “Di cosa si tratta, come riuscire a sfuggirla?”.

A questo punto, però, attenzione!

Si tratta di rimanere nel giusto equilibrio, perché è molto facile esagerare nell’aspettare chissà quale cataclisma, (a questo livello, purtroppo, ci sono molti profeti di sventura!) ma nello stesso tempo anche nel pensare che, proprio a causa dei nostri peccati e cattivi comportamenti, non ne possa seguire nulla. Ecco perché e giustamente, siccome non pochi si comportano male, si è soliti anche dire: “Di questo passo, dove andremo a finire?”.

La risposta è consequenziale: “Andremo certamente a finir molto male!”.

Ed è vero!

Proprio per questo la Chiesa, in occasione dell’Avvento e dell’inizio del nuovo anno liturgico, ci invita a cominciare bene e a proseguire per tutto l’anno. Questo sarà possibile solo se viviamo in continua vigilanza.

Detto questo, è evidente che l’Avvento non è solo il tempo di preparazione al Natale, in cui celebriamo la prima venuta del Signore, ma anche il poter fare una esperienza di vita in cui sappiamo individuare e accogliere le continue venute di Gesù, quelle di tutti i giorni, ma di cui spesso neppure ce ne accorgiamo.

Infatti, la vita frenetica e l’ansia di cui le nostre giornate sono pervase, non danno affatto la garanzia di avere un atteggiamento vigile e sveglio.

Essere vigilanti significa sviluppare un atteggiamento di fede tale che - in ogni impegno, in ogni progetto, in ogni avvenimento che capita nella vita - il nostro sguardo è sempre rivolto al Signore, pronti a leggervi ed accogliere ogni sua ispirazione, ogni sua manifestazione di volontà. Solo così la nostra vita riesce a svolgersi secondo il suo disegno, può trascorrere lieta e gioiosa, ed essere così ben preparati anche per l’ultimo incontro che avverrà alla fine di questa vita.

Se questo non è messo in pratica, la nostra esistenza diviene un correre senza senso verso il niente; alla fine ci si trova esausti e con la consapevolezza di aver sprecato tempo.

Pertanto “vegliare” significa “stare all’erta”, tenere gli occhi aperti per incontrare il Signore che, comunque, viene continuamente nella nostra vita, tutti i giorni.

Quali i mezzi per incontrarlo e riconoscerlo?

Sono quelli di sempre: è in particolare l’ascolto della Parola di Dio. Essa si manifesta nella vita e negli insegnamenti di Gesù il quale, appunto, è la “la Parola di Dio incarnata”. Non solo ascoltarla, ma pure rifletterla.

Oggi, ad esempio, tra l’altro cosa ci dice?

Prendiamo solo una espressione dalla prima lettura: “Farò germogliare per Davide un germoglio giusto”.

Cosa significa il germoglio?

In natura il germoglio è una realtà piccola e delicata. Basta poco per spezzarlo e farlo morire, basterebbe anche una gelata. Eppure, se rimane vivo e illeso, esso contiene in sé una promessa di vita e di sviluppo che, di lì a poco, se il terreno e l’ambiente sono favorevoli, si manifesterà in tutta la sua vitalità, diventando una grande pianta.

Qual è il germoglio di cui parla Geremia?

Questo germoglio non è altri che Gesù Cristo il quale, se accolto, sviluppa per noi liberazione, gioia e salvezza.

Pertanto il rimanere svegli non è altro che il non perdere contatto con lui. Se siamo qui ogni domenica è anche e soprattutto per questo.

Sac. Cesare Ferri rettore Santuario San Giuseppe in Spicello

Iscriviti alla mailing del Santuario. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
captcha 

facebook

"... io piego le ginocchia
davanti al Padre,

dal quale ogni paternità
nei cieli e sulla terra." (Ef. 3,14-15)

Visite agli articoli
1279118

Abbiamo 153 visitatori e nessun utente online