Omelia delle domeniche e feste Anno C
"Vieni al Padre, fonte di Misericordia"
17 ottobre 2019 * S. Ignazio d'Antiochia
itenfrdeptrues

25 Domenica C Fattore infedele
Testi liturgici: Am 8,4-7; I Tim 2,1-8; Lc 16,1-13
Per il documento: clicca qui
Immaginiamo un magistrato dei nostri giorni di fronte a questo brano di vangelo appena ascoltato, di fronte al comportamento dell’amministratore, riconosciuto “disonesto” anche dal suo padrone.
Quanti reati potrebbe imputargli il magistrato?
Sicuramente uno sarebbe quello di “appropriazione indebita”, in quanto dispone a suo piacimento di qualcosa che non è suo.
Ma, forse, qualche reato lo potrebbe imputare anche a Gesù, magari quello di “istigazione all’appropriazione indebita”.

Però lo scopo della parabola è tutt’altro.

Infatti, la sfera nella quale si muove Gesù non è quella dell’onestà, della giustizia e del buon comportamento, ma è quella di riporre speranza nella nostra vita.

Cosa vuol dirci con questo?

L’amministratore di cui parla in parabola, aveva davanti a se due strade.

La prima, forse la più facile, era quella di pretendere dai debitori “la tangente”; la seconda, quella di usare una misura larga, sperando di poter trovare gratitudine in seguito.

Sceglie quest’ultima. Non si fa vincere dalla possibilità di un tornaconto immediato, ma scommette su una riconoscenza futura, sperando nel buon cuore di quei debitori.

Con questo, Gesù cosa vuol insegnarci?

Vuol insegnarci che alla stessa maniera si comporta Dio nei nostri confronti. Egli spera sulla nostra capacità di bene anche quando ci vede immersi in una moltitudine di peccati. Ponendo buone speranze su di noi, ci invita ad essere fedeli, in ogni situazione.

Cerca di farlo capire con queste parole: “Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti”.  

Una persona è “fedele” non tanto perché compie le pratiche religiose – così in genere interpretiamo noi - ma perché sa usare bene e con amore le ricchezze e i doni che Dio gli affida.

Lo stesso argomento, visto da una angolatura diversa, è messo in evidenza dal profeta Amos, il quale anticipa l’espressione di Gesù: “Non potete servire Dio e la ricchezza”.

Cosa capitava ai tempi di Amos, qual’era il comportamento dei ricchi?

Essi, da un punta di vista religioso, si sentivano a posto. Infatti, rispettavano il sabato, quale giorno del Signore.

Però non vedevano l’ora che passasse quel giorno, per poter continuare a compiere le loro opere, purtroppo disoneste.

Amos si sdegna con loro, soprattutto perché compiono ruberie sulla veste dei più poveri e su chi non può difendersi.

Tutti ci rendiamo conto come la cosa sia quanto mai attuale.

Purtroppo, in questa nostra società del benessere e del consumismo, troppi sono quelli inclini alla corruzione, alla disonestà e all’ingiustizia.

Nelle cariche che hanno, anziché amare e servire gli altri, si servono di loro per i personali profitti.

Ma non vogliamo soffermarci su questa considerazione, non sarebbe altro che puntare il dito sugli altri.

Invece, la parola di Dio interpella direttamente ciascuno di noi invitandoci ad imitare l’amministratore, non per la sua disonestà, ma per l’esercizio di una scaltrezza nell’assicurarsi un futuro.

Perché noi non siamo svegli e intelligenti allo stesso modo per procurarci e assicurarci i beni eterni, compiendo le cose che il Signore ci invita a compiere?

Perché per queste cose non mettiamo lo stesso impegno, come lo mettiamo con tanti sacrifici fatti per raggiungere ed accumulare i beni di questo mondo, pur sapendo che prima o poi finiscono?

Sac. Cesare Ferri rettore Santuario San Giuseppe in Spicello

Iscriviti alla mailing del Santuario. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio.
captcha 

facebook

"... io piego le ginocchia
davanti al Padre,

dal quale ogni paternità
nei cieli e sulla terra." (Ef. 3,14-15)

Visite agli articoli
1638271

Abbiamo 256 visitatori e nessun utente online